Come far convivere un Beagle e un Gatto

Sia dolce che socievole, il beagle è il cane perfetto per le famiglie. Se non ha problemi a giocare un giorno intero con i bambini, farlo vivere con un gatto è un’altra storia. Infatti, il beagle è principalmente un cane da caccia e il gatto è una delle sue prede preferite. Ma come possiamo riuscire a trovare un terreno comune tra questi due animali?

Beagle e gatto: lingue e comportamenti diversi

La principale difficoltà di convivenza di un beagle e di un gatto risiede nelle differenze nella loro lingua e carattere. Se il beagle è molto attivo e ama scodinzolare la sua coda ogni volta che vuole giocare o esprimere la sua gioia, per il gatto non è la stessa cosa usando la coda per far capire che non è nell’umore di divertirsi. I codici inviati tra i due animali non sono quindi gli stessi e spesso è una fonte di conflitto.

Alcuni metodi di socializzazione

Come farli andare d’accordo un gatto e un beagle e insegnare loro a vivere insieme sotto lo stesso tetto? Il modo migliore per farlo è quello di adottarli insieme da una giovane età, perché la familiarizzazione tra specie avviene dalla nascita fino alla 12a settimana. Potete perfino migliorare la capacità del beagle di adattarsi imparando a socializzare con altre persone o con animali diversi come uccelli e criceti.

La convivenza tra un gatto adulto e un cane adulto è comunque possibile, anche se è il caso più difficile. Dovrai armarti di santa pazienza in modo che entrambi abbiano il tempo di ammorbidirsi, provare questi pochi trucchi per rendere le cose più semplici.

Se il vostro cane è piuttosto “asociale”, evitare che il primo incontro con il gatto sia fatto con lui. Se avete l’opportunità, organizzate questo primo incontro con un altro cane, quello di un amico o di un vicino, che sai più calmo. Il gatto può quindi abituarsi senza timore alla presenza del cane.

Essere presenti al primo incontro ma rimanere comunque a distanza e intervenire il meno possibile. Ci possono essere alcuni momenti di tensione. La cosa migliore è lasciarli fare tenendoli d’occhio e intervenire solo nel caso di lite. Il gatto deve avere una via di fuga o uno spazio in alto per sentirsi al sicuro. È anche possibile anticipare il “confronto fisico” con un contatto olfattivo. Puoi mettere gli animali in camere comunicanti dove potranno annusarsi sotto la porta qualche minuto prima di incontrarsi. Sii equo nelle attenzioni e nelle carezze.

Purtroppo, non c’è una ricetta miracolosa per costringere un cane e un gatto ad amarsi l’un l’altro. Come per gli esseri umani, ogni individuo ha un proprio carattere che può rendere la coabitazione molto difficile o addirittura impossibile. Queste difficoltà sono probabilmente dovute alla socializzazione imperfetta o addirittura al trauma nelle prime settimane di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *